Iscriviti alla newsletter
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
SEGUICI
#PERGINEFESTIVAL
Cerca
top

Day 5 – Day 6 | 43esima edizione

Martedì 10 luglio il programma presenta tre produzioni trentine: Pergine Festival ospiterà la serata di presentazione dei tre progetti vincitori del bando “Vetrina delle Idee per produzioni culturali originali” promosso da Unione Interregionale Triveneta AGIS con Fondazione Caritro, Servizio attività culturali della Provincia autonoma di Trento e l’Associazione Coordinamento Teatrale Trentino. Tre inedite anteprime curate da Incontri Internazionali Rovereto, Evoè!Teatro e Trento Spettacoli, considerate tra le più significative che operano sul territorio. Ore 20.30 al Teatro Don Bosco di Pergine. La scomparsa di Pikley McCarty/Nuvole Bianche nel Cielo di Cuba è lo studio firmato da Trento Spettacoli, realtà artistica e produttiva nata nel 2010 seguendo l’esperienza di “fucina” artistica e teatrale Spazio Off, uno spazio attivo in città da oltre dodici anni. Il progetto nasce dall’incontro con un inedito racconto di Ernest Hemingway del 1919, è diretto da Maura Pettorruso e interpretato dagli attori Stefano Pietro Detassis e Woody Neri.
Hive our hydrological need of cosmic lines è lo studio presentato da Incontri Internazionali Rovereto. Uno spettacolo di danza con coreografia di Pietro Marullo – artista che coniuga teatro, danza, scultura, installazione sonora e nuove tecnologie, ispirato al dipinto di Michelangelo Buonarroti “Tondo Doni”.
Il Drago d’Oro è un progetto di Evoé!Teatro, compagnia che nasce nel 2011 a Rovereto e realizza progetti artistici con l’obiettivo di rispecchiare la complessità della contemporaneità dando voce a drammaturgie inedite di autori viventi del panorama europeo. Il drago d’oro è un romanzo inedito in Italia e firmato dall’autore Roland Schimmelpfennig, che dipinge uno spaccato di realtà crudele caratterizzata da un intricato microcosmo di relazioni, coincidenze, giochi di potere, violenze. In scena Emanuele Cerra, Clara Setti, Marta Marchi, Silvio Barbiero, Paolo Grossi. Regia di Toni Cafiero.

Sempre martedì 10 alle ore 14, presso la Ex Rimessa Carrozze, il convegno dal titolo Le legislazioni nazionale e territoriali in materia di spettacolo dal vivo, organizzato da Unione Interregionale Triveneta AGIS in collaborazione con l’associazione culturale ATeatro: dati i recenti cambiamenti legislativi in materia culturale, sarà questa l’occasione per verificarne le conseguenze e per interrogarsi e immaginare nuove politiche e nuove modalità di relazione tra artisti e territorio.

In piazza Fruet continuano gli eventi gratuiti e accessibili con concerti, dj set e gli incontri con gli artisti: lunedì alle ore 19 sul palco di Foresta Urbana, Roberto Rinaldi intervisterà il collettivo Circolo Bergman, martedì sarà la volta di Eleonora Pippo con le ragazzine coraggiose di Pergine.

Mercoledì 11 Luglio è in programma Muna Mussie, artista di origine eritrea che indaga i nuovi linguaggi della scena e delle performing arts. Il suo percorso artistico inizia nel 1998 con la formazione di attrice e performer per il Teatrino Clandestino e il Teatro Valdoca; dal 2006 crea lavori pienamente autoriali, di cui cura concezione, messa in scena e interpretazione e si avvale della collaborazione di artisti che contribuiscono alla resa del progetto. A Pergine Festival presenta Milite Ignoto: una ricerca capace di caratterizzare il lavoro dell’artista sull’incontro con l’Altro. «È stata una sorpresa scoprire in Milite la presenza mia lingua materna, il tigrino e il significato è Maria – spiega Muna Mussie – il nome della donna a cui fu assegnato il compito di scegliere, nel primo dopo guerra, la bara contenente uno dei tanti corpi anonimi caduti in guerra che li avrebbe rappresentati e onorati nel tempo: il Milite Ignoto. Spesso le coincidenze si presentano a indicare strade percorribili o a far luce su strade già percorse. Questo lavoro vuole essere un’indagine delle relazioni possibili tra questi elementi». Ex Rimessa Carrozze mercoledì alle ore 20.30. Alle 21.30 in piazza Fruet nell’ambito di Foresta Urbana, la BJB – Bonporti Jazz Band, nata nel 2009 all’interno dei corsi di musica jazz del Conservatorio Bonporti di Trento.